domenica 1 luglio 2018

Il Progressive Metal


PROGRESSIVE METAL
Di Massimo Max Salari




Il Rock ha subito nel tempo moltissime deviazioni e sviluppi, da quando i Fab Four di Liverpool (Beatles) hanno cominciato a cambiare le regole del gioco negli anni ’60. Possiamo definirli “innesti” e sappiamo bene che spesso portano anche a buoni frutti. Tuttavia per analizzare il significato di Progressive Metal si necessita di un passo indietro nel tempo abbastanza notevole, ossia ritornare agli anni dei Beatles. Verso la fine dei ’60 con il brano “Eleanor Rigby” il noto quartetto pone una spinta notevole al mutamento del Rock, apportando in esso la strumentazione ad archi di stampo classico, ecco dunque che il Rock non è più fatto solamente di chitarre elettriche, ma anche di strumentazione “alternativa” per il genere, ossia il classico. Questa spinta è il seme di quello che successivamente verrà chiamato Progressive Rock. L’idea fu sviluppata successivamente dai Moody Blues, dai Procol Harum, dai Nice di Keith Emerson, fino a giungere nel 1969 al primo disco ufficiale del Progressive Rock, quel “In The Court Of The Crimson King” dei King Crimson con tanto di tastiera Mellotron a sopperire l’assenza di una vera e propria orchestra. Ma il gioco è fatto, il Prog Rock è nato con il suo modo “colto” di proporsi, non più dedito a canzoncine, bensì a lunghe suite. Testi più complessi, modo di presentarsi più teatrale, concept album, elucubrazioni strumentali e molto altro nella musica di giganti come Genesis, Yes, King Crimson, Pink Floyd, Gentle Giant, EL&P etc. etc. Dal 1970 al 1978 il Rock subirà al riguardo decine e decine di innesti, Prog Jazz, Prog Folk, Crossover Prog, Prog Psichedelico etc. etc. fina a giungere allo sfinimento ed ecco allora che nel 1978 la gente comincia a stancarsi di questo modo “complesso” di suonare e delle lunghe suite, cambiano le mode, giunge la “Febbre Del Sabato Sera” e la musica da discoteca così nel Rock si sviluppa parallelamente il Garage Rock in Punk, tre note, brani brevi spacchiamo tutto e divertiamoci, esattamente lo spirito contrario del Prog (Sex Pistols in cattedra). Ma questo si sa risiede nella natura delle cose, si cambia e la musica è specchio della società del momento. Ecco dunque nel 1980 innestarsi un nuovo ramo nel Rock, l’Hard Rock rappresentato da band come Led Zeppelin, Deep Purple, Atomic Rooster, Black Sabbath si va a congiungere con il Punk di moda in questo momento per far nascere in Inghilterra la NWOBHM (New Wave Of British Heavy Metal).
Per intenderci l’Heavy Metal è musica dura, distorta, assolutamente non comparata a “musica colta” tanto che i giornalisti ciecamente la tacciarono di vita breve. Il termine Heavy Metal viene estrapolato da un brano dei Steppenwolf del 1968 dal titolo “Born To Be Wild” dove all’interno del testo c’è la frase Heavy Metal Tunder”, come un fulmine nel metallo e questo è piaciuto ai giornalisti per rappresentare al meglio il frastuono di giovani band come Iron Maiden, Motorhead, Saxon etc. etc.
Negli anni ’80 dunque l’Heavy Metal gode di ottima salute e di numerose vendite, mentre il Progressive Rock è tramortito, quasi sparito. Ma per la legge degli innesti e dell’evoluzione, c’è sempre un qualcuno che la fa strana, una sorta di piccolo Beatles. Dal Canada giunge un trio che sposta l’Hard Rock in lidi poco convenzionali, anche se il distorto delle chitarre elettriche ancora non è al massimo, loro si chiamano Rush e certi brani sono complessi e anche di lunga durata tipo suite, un anomalia per il processo del momento. Così anni dopo una band di Seattle di nome Queensryche si azzarda ancor di più a modificare l’Heavy Metal, lo fa consapevolmente? Forse no, probabilmente tutto questo nasce loro spontaneo, ma la musica si sposta verso numerosi cambi di tempo e di umore, cosa che in una canzone Heavy Metal classica questo solitamente non avviene. Subentrano le tastiere (bestemmia per un metallaro), tanto da contaminare anche i maestri dell’Heavy metal, ossia i Judas Priest nell’album “Turbo” del 1986, ma qualcosa di alieno accade di li a poco, la consacrazione del termine Progressive Metal giunge nel 1989 attribuita ad una band americana di nome Dream Theater. Con l’album “When Dream And Day Unite” (MCA – 1989) le regole cambiano nuovamente, i Dream Theater fanno ricoprire alle tastiere un ruolo quasi fondamentale, così relegano la tecnica strumentale e vocale ad altissimi livelli, proprio come segno di riconoscimento del genere, ossia il Metal colto, qui nato in maniera definitiva!
Tutto questo farebbe pensare che il Progressive Metal non dovrebbe esistere, è un ossimoro, possono condividere musica grezza e musica colta? Il tempo e l’evoluzione dei suoni ci risponderanno di si.


Come tutti i generi musicali nel tempo anche il Metal Progressive subisce a sua volta numerosi innesti, ma qui non vorrei mandarvi in confusione più totale e quindi prima iniziamo con ordine ed ascoltiamo i classici del genere:

I Classici

Dream Theater - “Surrounded”: https://www.youtube.com/watch?v=xnnBgyhAaPU
 “The Spirit Carries On”: https://www.youtube.com/watch?v=-J6PPkKBXoU
Queensryche – “Operation: Mindcrime”: https://www.youtube.com/watch?v=vAI2QOBMlTA
Fates Waring – “Leave The Past Behind”: https://www.youtube.com/watch?v=DmJmf10NNEE
Crimson Glory – “Lost Reflection”: https://www.youtube.com/watch?v=-polqoaTEQU
Helloween – “Dr. Stein”: https://www.youtube.com/watch?v=3FFTQRmsK0k
Mastermind – “Child of Technology”: https://www.youtube.com/watch?v=3vl3czQzk98
Symphony X – “Smoke and Mirrors”: https://www.youtube.com/watch?v=qhUWYOnTV3c
Yngwie Malmsteen Rising Force – “Black Star”: https://www.youtube.com/watch?v=TZp323l7hes



Ora avete memorizzato cosa si intende per Progressive Metal classico. Ovviamente l’universo musicale è più ampio, ma qui avete assunto ciò di che si necessita per averne buone basi. A questo punto ci si può spingere oltre ed andare ad ascoltare e conoscere nuovi innesti e quindi nuovissime sonorità.
Il Metal si spacca in moltissimi sottogeneri, grazie a band come Metallica, Slayer, Celtic Frost,  Voivod, Obituary, Candlemass, Venom,  ognuno in un suo campo, il Thrash Metal, il Gothic Metal, il Doom Metal, il Black Metal, il Death Metal, l’Experimental / Avant Garde Metal, Sludge Metal, Groove Metal, lo Psychedelic Metal etc. etc. Questi sottogeneri a loro volta verranno trattati da alcune band in maniera “Progressiva” ed ecco nascere un immenso calderone di nuovi suoni e di tanta sperimentazione. Ecco che con “Progressive Metal” si intendono oggi numerose soluzioni per cui si è dovuto necessariamente suddividere a loro volta i sottogeneri con altrettanti nomi (quelli fatti sopra con l’aggiunta del termine “Progressive” es. Progressive Thrash Metal), tuttavia accorpare il tutto sotto l’unica bandiera Metal Progressive va comunque bene.
Ed ora potete ascoltare cosa si intende per sottogeneri di Metal Progressive con numerosi innesti e noterete un mondo completamente differente, pur avendo le stesse basi dei classici. Ovviamente stiamo parlando di band più recenti rispetto la nascita del genere, essendo questa una evoluzione.


SOTTOGENERI METAL PROGRESSIVE

Ayreon – “Computer Eyes”: https://www.youtube.com/watch?v=tA0UtJQFbog
Voivod – “The Unknown Knows”: https://www.youtube.com/watch?v=Y2QeFd7M0mk
Opeth – “Windowpane”: https://www.youtube.com/watch?v=qEaf9LqIUZQ
Porcupine Tree – “Blackest Eyes”: https://www.youtube.com/watch?v=SWsYG_pE76o
“Arriving somewhere but not here”: https://www.youtube.com/watch?v=WbWhpfXisZw
Tiles – “Reasonable Doubt”: https://www.youtube.com/watch?v=qI6_Ku81p5I
Ulver – “So Falls the World”: https://www.youtube.com/watch?v=OIfmD7lz99w
Celtic Frost – “I Won’t  Dance”: https://www.youtube.com/watch?v=ySijB9hUvBM
Evergrey – “Distance”: https://www.youtube.com/watch?v=WqoJTWmG4Xs
Threshold – “Sunrise On Mars”: https://www.youtube.com/watch?v=k4XKq5ArCPU
Shadow Gallery – “Crystalline Dream”: https://www.youtube.com/watch?v=OXjEKQAMWpk
Power Of Omens – “Alone I Stand”: https://www.youtube.com/watch?v=U-falVbVNeE
Vanden Plas – “Beyond Daylight”: https://www.youtube.com/watch?v=f3Y66H24GLQ
Liquid Tension Experiment – “Paradigm Shift”: https://www.youtube.com/watch?v=pofqHfSvy_8
Stratovarius – “Elysium”: https://www.youtube.com/watch?v=ikDS1TBAElo
Redemption – “Little Man”: https://www.youtube.com/watch?v=ZjrM0wsEK5Y
Magellan – “Estadium Nacional”: https://www.youtube.com/watch?v=ilI3nOH-krU
Riverside –“Conceiving You”: https://www.youtube.com/watch?v=mMXG7kM8YZk
Sieges Even – “These Empty Places”: https://www.youtube.com/watch?v=DuoxFRW6u7s
Circus Maximus – “Sin”: https://www.youtube.com/watch?v=4HD0bapCVZ0
Dante – “November Red”: https://www.youtube.com/watch?v=bSq6legCqH0
Epica – “Storm The Sorrow”: https://www.youtube.com/watch?v=dNoTvg0t52c
Garden Wall – “Negative”: https://www.youtube.com/watch?v=tlUVhwTPzp8
Labyrinth – “Moonlight”: https://www.youtube.com/watch?v=jFaaIZQy_do
Rhapsody Of Fire – “Dawn of Victory”: https://www.youtube.com/watch?v=0L_iOnLNt9M
Blind Guardian – “A Past and Future Secret”: https://www.youtube.com/watch?v=i8GIVtCNlCk
Walls Of Babylon – “Let Me Try”: https://www.youtube.com/watch?v=e-uawcJ05c8
Mind Key – “Waiting For The Answer”: https://www.youtube.com/watch?v=lDoVz9CAwbk
Moonlight Comedy – “Hidden Truth”: https://www.youtube.com/watch?v=qXTS0hKG5Y8
Royal Hunt – “Until The Day”: https://www.youtube.com/watch?v=LYfeoH9MGyI
Seventh Wonder – “Victorious”: https://www.youtube.com/watch?v=XhubRsr11rk
Sons Of Apollo – “Coming Home”: https://www.youtube.com/watch?v=J_1N8kVYfkE
Stramonio – “Desert Night”: https://www.youtube.com/watch?v=CJ62KDZfdfI
Therion – “Rise Of Sodom And Gomorrah”: https://www.youtube.com/watch?v=L_NtCdMdGrg
Time Machine – “Cold Flames Of Faith”: https://www.youtube.com/watch?v=opeCYXpAhTo
Haken – “The Point of No Return”: https://www.youtube.com/watch?v=Xt03KJw2IAU




A questo punto per approfondire l’argomento e renderlo più esaustivo servirà la vostra curiosità, ovviamente solo se in tutto questo avete trovato spunti interessanti. Magari avete scoperto un nuovo genere che vi aggrada e questo è lo scopo di questo piccolo speciale. Oggi abbiamo internet per scoprire e ricercare, quindi buon divertimento. MS

4 commenti:

  1. Ciao Massimo,bello speciale,è sempre un piacere leggere le cose che scrivi.Per chi vuole approfondire l'argomento consiglio vivamente il bel libro di Wagner "Prog Metal"(edito da Tsunami)dove si parte addirittura dai King Crimson che a detta di Fripp suonavano Metal Intelligente o da"Sabbath Bloody Sabbath",capolavoro dei Sabbath che aveva varie cose progressive(basti pensare che ci suonava come ospite alle tastiere un certo Rick Wakeman!).Ma certo concordo con te,è con lo sfortunato,ancora grezzo ma fondamentale "When the Dream..."(poi perfezionato con l'insuperabile "Images & Words",il "In the Court..."del Prog-Metal)che il Prog-Metal ha una decodificazione netta di ciò che Queensryche & Fates Warning avevano in parte preparato(ma alla fine rimanevano band più Metal che Prog).Ti do una lista personale di 20(i primi 10 solo DT,Queensryche & Fates Warning,le bands definitive del genere...i Rush sono ancora Hard-Prog come i Kansas in parte)miei albums preferiti di Progressive Metal:
    1-"Images & Words"-Dream Theater
    2-"Operation:Mindcrime"-Queensryche
    3-"Awake"-Dream Theater
    4-"A Pleasant Shade of Gray"-Fates Warning
    5-"Rage for Order"-Queensryche
    6-"Parallels"-Fates Warning
    7-"Promised Land"-Queensryche
    8-"Empire"-Queensryche
    9-"When the Dream & Day Unite"-Dream Theater
    10-"Perfect Symmetry"-Fates Warning
    11-"Flow"-Conception
    12-"State of Mind"-Elegy
    13-"The Divine Wings of Tragedy"-Symphony X
    14-"Tyranny"-Shadow Gallery
    15-"Burn the Sun"-ARK
    16-"In Search of Truth"-Evergrey
    17-"Far Off Grace"-Vanden Plas
    18-"The Devil's Hall of Fame"-Beyond Twilight
    19-"Paradox"-Royal Hunt
    20-"Transcendence"-Crimson Glory
    Ma ci sono tante bands minori interessanti e bands da culto come Cynic,Mekong Delta,Watchtower,Sieges Even,Voivod,Magellan,Spiral Architect e molte altre(anche i gruppi nati come estremi poi divenuti Progressive come gli Enslaved,Lunaris,Emperor etc).Ovviamente io ho posto l'accento più sul Prog Melodico,"Golden";-)
    Saluti e quando vuoi mi piacerebbe anche fare un'intervista se ti va ad un anno e mezzo quasi da"Golden Metal"e in previsione del nuovo album.
    Antonio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande Giorgio! Ho quel libro sul progressive Metal ed è interessante. Mi piace molto la tua lista, direi che è perfetta in quanto rispecchia quasi nella sua totalità anche i miei gusti personali. Si, una intervista ce la facciamo, buona idea. Grazie per il tuo prezioso intervento e un abbraccio.

      Elimina
    2. Contento che ti piaccia la lista:-) Noto una certa affinità,a presto!!!

      Elimina
  2. Da amante dei Sabbath nel periodo d'0ro del genere vissuto appieno(e quando ancora i dischi vendevano e bene)avevo un debole per la scena svedese di bands che univano il Gothic/Doom/Classic Metal della band di Iommi con il sound complesso e raffinato dei DT e Queensryche(i Fates Warning sono stati sempre meno amati da molte bands minori,solo bands come gli Zero Hour,i Mystic Force & i Redemption erano più influenzati da loro,questi ultimi per ovvi motivi visto che c'era Ray Alder alla voce ma alla fine suonano più DT)e quindi i vari Abstrakt Algebra(di Leif Edling dei grandi Candlemass e molti altri progetti),i primi Tad Morose e Lion's Share,i Memento Mori,i Fifth Reason,gli Hexenhaus etc Sarebbe interessante fare addirittura un libro a quattro mani con i dischi fondamentali(tipo 100 dischi e cose del genere)...ma è solo un'idea:-)

    RispondiElimina