sabato 21 giugno 2014

Fare Jazz Estate a Fabriano

                        FARE JAZZ ESTATE A FABRIANO



“Fare Jazz Estate...in Fabriano”
2014 Prima Edizione

I corsi di musica Jazz “Fare Jazz” organizzati dall'Istituto Musicale Comunale “Ars
 Musica” di Chiaravalle, giunti alla diciottesima edizione sotto la direzione artistica
 del M° Lamberto Di Piero, quest'anno propongono anche la veste estiva ospitati dal
 Comune di Fabriano.
L'organizzazione di
 “Fare Jazz Estate...in Fabriano” fa capo
 all'Associazione “Fabriano Pro Musica”
.

Percorsi della musica improvvisata
. Per chi si avvicina alla musica Jazz o
 desidera approfondirne la conoscenza
.

FULL IMMERSION DAL 10 AL 13 LUGLIO
 CON
  • LEZIONI
  • CONFERENZE
  • LABORATORI
  • VIDEO PROIEZIONI
  • CONCERTI  E JAM SESSION

Le attività didattiche si svolgeranno presso le aule dell'Istituto Comprensivo
 “Marco Polo” Via Luigi Fabbri, 1 Fabriano.
Video proiezioni e conferenze si terranno presso la sede dell'Associazione
 “Fabriano Pro Musica”, Via Gentile, 13.
 Concerti e jam session tutte le sere presso locali pubblici e spazi comunali preposti
.

Oltre alle molte ore di lezione giornaliere suddivise per le varie materie di studio, i dopocena delle quattro giornate saranno allietati da esibizioni pubbliche di allievi e docenti con il seguente programma:
  • 10 Luglio presso l'Auditorium dell'Istituto Comprensivo Marco Polo, concerto dei docenti
  • 11 Luglio presso un locale pubblico (da definire), Jam Session
  • 12 Luglio presso un locale pubblico (da definire), Jam Session
  • 13 Luglio presso il Sagrato della Cattedrale, concerto finale di gruppi di musica d'insieme e della Big Band. Ospite della serata l'Orchestra Concordia di Fabriano diretta dal M° Marco Agostinelli.

INFO E ISCRIZIONI
340 3537907
farejazz@gmail.com
fabrianopromusica@gmail.com
www.arsmusicalive.com
www.fabrianopromusica.it
www.facebook.com/fabrianopromusica


www.facebook.com/arsmusicachiaravalle

venerdì 6 giugno 2014

Two Fates

TWO FATES - /Tree
Audioglobe / Perfect Swimmer
Genere: Avant Pop
Supporto: ep – 2014



Dopo cinque anni di attività e forti dell’esperienza accumulata alle spalle, il duo Two Fates, formato da Loredana Di Giovanni (LorElle: voce, tastiere e percussioni) e Giuliano Torelli (Tiresia: basso, chitarra, drum pad, voci noises) giunge all’ep di debutto dal titolo “/Tree”.
La musica che compongono non è di certo scontata, è ricercata ma allo stesso tempo minimale, fra suoni tecnologici e melodie suadenti dettate dalla bellissima voce di Loredana. Si avvalgono della Two Fates Machine (Ableton Live), con cui registrano dal vivo tutti gli strumenti per poi unirli assieme in tempo reale per un risultato spesso ipnotico e scandito da loop.
Ciò che colpisce, è come riescono a far scaturire sensazioni di “natura”, con suoni che di naturale hanno ben poco. Il titolo “/Tree” è davvero appropriato, un albero che ha radici nel tempo (l’esperienza a cui mi riferivo) e quindi altezza (forte personalità) e fruttuosità (i brani da gustare). L’artwork interno del disco ben rappresenta questa mia elucubrazione, e c’è un particolare che non mi è sfuggito e che ho apprezzato ulteriormente, ossia  il contatto con il terreno a piedi nudi da parte di Tiresia. Questo lo sa bene chi vive la musica, essa sale dal terreno e ti entra meglio nel corpo salendo fino alla mente, un contatto fisico che ne amplifica anche l’ascolto.
Si apre con “Blu”, in esso si evidenzia anche l’importanza dei testi, spesso giocosi in doppi sensi,  sensazioni che ben si sposano con la musica. Tutto questo ancora più palese nella successiva “Verde”, acustica  ed eterea, giocosa con le voci e LorElle che sale sempre più, il tutto in un ritornello melodioso di semplice memorizzazione ed efficace. Più ricercata nell’arrangiamento vocale “My Story Is Not My Destiny”,cantata in inglese su di una struttura musicale alquanto minimale ma presente in personalità. Infatti uno dei meriti del duo risiede proprio nel saper donare giusta melodia a suoni, loop ed elettronica varia, perché le sensazioni evidenziano le emozioni e ne accrescono la musica. Non necessariamente servono molte strumentazioni quando le melodie sono giuste e gradevoli.
Sensibilità ed energia in “Il Sogno, L’Addio”, molto sentita e ben interpretata, quasi una scena teatrale. Torna il cantato in inglese con “It’s The Rain” e qui, per chi li dovesse conoscere, mi vengono alla mente i primi Paatos. Molto spesso aleggiano atmosfere malinconiche fra le note, in “Sangue” questo è più palese e decisamente più sentito. L’ep si chiude con la bonus track, “My Story Is Not My Destiny (Remix)”.
Il bosco dei Two Fates sembra fatato, magico, etereo, un luogo dai suoni incantati e comunque sapientemente assemblati. Il duo dimostra carattere, personalità, idee chiare ed una notevole capacità di inventare. Tutto ciò si può racchiudere in un solo termine: “creatività”. A questo punto non ci resta che attenderli alla prova cd, le basi per far godere l’ascoltatore ci sono davvero tutte. Da avere. (MS)


https://www.facebook.com/twofatesproject?fref=ts