sabato 12 gennaio 2019

Andy Micarelli


ANDY MICARELLI – Dreamy
Music Force
Genere: Strumentale
Supporto: cd – 2019


Il sassofonista e polistrumentista teatino Andy Micarelli torna  al pubblico con il quarto album da studio  “Dreamy”, miglior titolo non si poteva trovare per un mix fra silenzio e musica.
Micarelli è un tuttologo della musica, cantautore ed interprete si diploma in sassofono  presso il conservatorio “Luisa D’Annunzio” di Pescara, presta la sua opera a numerosi artisti nel tempo fra i quali Marco Contento, Mauro Di Maggio ed Edea, partecipa alla selezione di Sanremo Giovani e anche Sanremo Rock, vincendo la tappa abruzzese oltre che aprire concerti a band blasonate come Le Orme. In definitiva Micarelli respira musica e la crea professionalmente.
In questo nuovo album “Dreamy” ci sono sette canzoni completamente strumentali, ad iniziare dalla title track “Dreamy” che si apre con un tappeto di tastiere ed elettronica.
Una sensazione di rilassatezza conquista all’istante, e il refrain si amplia strada facendo in un crescendo sonoro importante ricco di buoni arrangiamenti. Il brano è orecchiabile, epico e di facile memorizzazione nel ritornello.
“Luoghi #2” è il singolo dell’album che si riallaccia a “Luoghi”, altro brano strumentale contenuto nel cd “Non Mi Frega E Canto” del 2014. Musica dall’ampio respiro che disegna nella mente di chi ascolta ampi paesaggi.
Un pianoforte apre “Se Pioverà”, strumentale decisamente più “canzone” dove il piano fa anche da voce, se così vogliamo dire. Per chi ama il primo Renato Zero qui noterà dei passaggi molto cari. “Oriente” come descrive il titolo ha sinuosità calde del sud, semplice e diretto, anche lui con un interessante crescendo.
Giunge la voce di Luca Breda nella traccia “11.09.2001”, poesia recitata in maniera toccante e profonda. La musica è inizialmente malinconica per poi aprirsi in svariate modalità, fra archi e suoni lirici compresi.
Ancora elettronica ad aprire un brano, questa volta si tratta di “Alba”, un movimento sonoro molto vicino al Krautrock. Il disco si chiude con una cover di un brano che fa parte della discografia di una band storica italiana , i lagunari Le Orme. Il brano si intitola “Venerdì” ed è arrangiato in maniera personale.
Andy Micarelli con “Dreamy” dimostra di avere un anima buona e leggera, un lavoro che si lascia ascoltare con grande piacere e professionale. MS

Nessun commento:

Posta un commento