domenica 19 marzo 2017

Sounds Like The End Of The World

SOUNDS LIKE THE END OF THE WORLD – Stories
Progressive Promotion Records
Distribuzione italiana: GT Music
Genere: Post Rock
Supporto: cd – 2017


La Progressive Promotion Records si addentra per la prima volta nel mondo del Post-Rock e lo fa con una band polacca consigliata loro dagli esponenti del gruppo God Is An Astronaut, Torsten Kinsella e Niels Kinsella, si chiama Sounds Like The End Of The World.
Non sono comunque all’esordio discografico, in quanto già nel 2013 escono con l’ep “It All Starts Here” e nel 2014 con l’album “Stages Of Delusion”. Si formano nel 2012 e seguono il sound di band come God Is An Astronaut, This Will Destroy e Long Distance Calling su tutte.
Il quartetto che suona in “Stories” è composto da Michal Badecki (basso), Michal Baszuro (chitarra), Tomasz Hoffman (batteria) e Wojciech Kowal (chitarra).
Otto le tracce che formano il disco completamente strumentale, ad iniziare da “No Trespassing” con un intro in crescendo ad inserimento singolo degli strumenti. Il suono è pulito ed elettricamente vibrante, prerogativa del Post Rock, ma anche del Math Rock, e qui  ne abbiamo delle piccole schegge.
Sferzate nervose lasciano spazio a ricongiungimenti alla melodia iniziale, proprio come spesso eseguivano i Radiohead dei primi anni ’90.
“Walk With Me” ha un inizio introspettivo dettato da una buona melodia delle chitarre, per poi sfociare nella distorsione e nella rabbia. Un brano cadenzato, quasi caracollante, che colpisce per intensità e patos.
“Breaking The Waves” è la canzone più lunga dell’album con i suoi sei minuti e mezzo, qui i Sounds Like The End Of The World fanno una piccola scappata anche nella Psichedelia. A gusto personale questo è il brano che più mi ha colpito. Ottima la scelta degli assolo di chitarra che riescono a dare ampiezza all’ascolto.
Granitico e monolitico in molti frangenti, “Stories” prosegue con “Obsession”, un momento di rilassatezza apre il brano, dove la ritmica è soffice e precisa, ma ancora una volta il tutto si evolve in un crescendo sempre di ottimo impatto.
“Faults” ha un giro armonico molto ruffiano e di facile memorizzazione, uno spicchio di sole e di allegria rispetto alla media dell’ascolto. Gradevolissimo.
Ridondante  ed echeggiata “Outflow”, mentre “Acceptance” è la più breve canzone dell’album con i suoi pacati tre minuti. Chiude alla grande “All Over Again” con piccoli richiami King Crimson.

Un disco che gli amanti del genere (e non solo) non devono ignorare, perché ci sono tutti gli ingredienti che fanno del Post Rock un movimento che ha sempre e comunque qualcosa da dire alla mente. Scopriteli e vi avvicinerete anche voi con stupore al “suono della fine del mondo”. MS

Nessun commento:

Posta un commento