domenica 19 marzo 2017

Cast

CAST – Power And Outcome
Progressive Promotion Records
Distribuzione italiana: GT Music
Genere: Progressive Rock
Supporto: cd – 2017


I messicani Cast hanno girato il mondo, sono venuti anche in Italia, hanno registrato diciannove album in studio a partire dal 1994 e si muovono fra il classico Progressive Rock ed il mezzano New Prog. Una musicalità che fa venire i brividi ad ogni fans del genere, fra tastiere, flauto, violino, chitarre, tuffi nel passato ed uno sguardo nel presente, però? Però non hanno ricevuto il successo che avrebbero dovuto meritare, sono rimasti nel  limbo, solo per fans incalliti, ma per fortuna oggi la Progressive Promotion Records prende in mano la situazione e rilascia questo nuovo album dal titolo “Power And Outcome”.
I bellissimi disegni di Carlos Humaràn e l’artwork di Xaguaro e Juan Carlos Lizarraga, sicuramente richiamano l’attenzione di chi segue il Prog Rock, uno stile fra maschere, face paint e uccelli (questa volta non una gazza ladra, ma un corvo) che non lascia adito a dubbi… E’ Prog!
E che Prog, la mini suite iniziale “Rules Of The Desert” chiarisce immediatamente  le idee al riguardo, i Cast sono ottimi strumentisti e compositori. Ciò che dimostrano di aver capito non è poca cosa, ossia di creare musica in cui gli assolo sono piacevoli e non asfissianti, sempre attenti alla melodia facile, perché in fin dei conti deve sempre restare qualcosa alla fine dell’ascolto del brano. Poi, i cambi di tempo ed umorali che spezzano l’andamento, quindi il tutto rimane variegato ma  non destabilizzante. Piacevoli i momenti di chitarra elettrica che si intersecano con la struttura sostenuta e valorizzata dalle numerose tastiere.
New Prog nella successiva title track, difficile credere di ascoltare una band del Messico e non dell’ Inghilterra. Buono l’uso delle voci e delle coralità che giocano fra effetti sonori e cori. Molta enfasi e grandezza.
Il piano apre “Details, a. Circle Spins”, un'altra mini suite questa volta suddivisa in due trance, la seconda dal titolo “Details, b. Start Again”. Qui compaiono anche momenti più vintage e classicismi, grazie anche all’uso del violino da parte di Roberto Izzo. La band ad onor di cronaca viene completata da Alfonso Vidales (tastiere), Antoniao Bringas (batteria), Claudio Cudero (chitarra), Carlos Humaran (basso), Bobby Vidales (voce) e Lupita Ancuna (voce).
Tantissima la carne al fuoco e gli strumentisti dimostrano di essere una rodata macchina da guerra, perfettamente oliata e assoluta. Le parti strumentali sono negli assolo devastanti sotto molteplici aspetti, grazie appunto all’equilibrio perfetto all’interno della band, un suono imponente come nella seconda parte della succitata mini suite.
Sotto alcuni aspetti si possono riscontrare agganci anche con la nostrana PFM.
I Marillion dimostrano di conoscerli e “Through Stained Glass” fa la spia. Solare “Illusion And Tribulations”, l’ariosa apertura raggiunge l’apice nell’assolo di chitarra elettrica. Le fughe strumentali proseguono in “The Gathering” per placarsi nella strumentale “Conquest”. La breve “Full Circle, prettamente voce e tastiere, introduce alla conclusiva “Dialect For The 21st Century”, degna conclusione dell’opera in analisi.
Che disco! Resto con la speranza che prima o poi ne esca anche una versione in vinile. Merita. MS


Nessun commento:

Posta un commento