sabato 11 ottobre 2014

Hans Van Even

HANS VAN EVEN – Stardust Requiem
BP 12
Genere: Virtuoso chitarra
Supporto: cd – 2014



Chi non ha mai suonato nella propria stanza una chitarra immaginaria ascoltando gli assolo al fulmicotone di gente come Jimi Hendrix o Jimi Page, solo per fare due nomi?  Ti senti l’adrenalina uscire da dentro e poi chi è nell’età della gioventù può anche restarne attratto in maniera fatale, l’amore per la chitarra elettrica può scoccare ferocemente.
Questo è ciò che è accaduto anche a Hans Van Even, chitarrista belga nato nel 1969. Negli anni studia musica classica e Jazz, formando una tecnica davvero invidiabile. L’esperienza si rafforza grazie alle aperture di concerti ad artisti come Joe Cocker, Christopher Cross e John Miles, questo negli anni ’90. Successivamente insegna chitarra ed improvvisazione. Tutto questo bagaglio si evince all’ascolto dei diciannove brani del primo album solista dal titolo “Stardust Requiem”, un disco che sarebbe anche potuto uscire in versione doppio cd, in quanto la durata è di ben 77 minuti.
Con Hans suonano Christine Lanusse al basso, Xavier Richard alla batteria ed Oliver Sousbie alle tastiere. Ma quello che colpisce di più è la lunga lista di special guest che contornano il progetto, a partire dal virtuoso chitarrista Tony McAlpine, suo l’apporto nella title track “Stardust Requiem”.
L’artwork è semplice, elegante e comunque esaustivo, dettagliato nella descrizione dei componenti che si esibiscono nelle singole canzoni, mentre la produzione sonora rientra nei canoni dei prodotti del genere.
Apre le danze “Angeli Ex Galaxia”, un intro dall’impronta marcatamente Pinkfloydiana e comunque spaziale, un crescendo che porta a “Stardust Requiem”. Qui l’impatto sonoro è come un muro elettrico, riff granitico e scale di note come se piovessero. Tutto questo sarebbe inutile ai fini emotivi dell’ascolto se non fosse supportato comunque da melodie orecchiabili, questo succede nella successiva “Tribute”. Qui Hans duetta con Brett Garsed, noto chitarrista australiano di genere Jazz Fusion. Le dita sembrano volare.
Un accenno di Reggae in “N-Land”, pezzo decisamente più intimo e riflessivo, dove il calore del basso avvolge l’ascolto per poi tornare a ritmi più alti con “Mystic Tale” ed il violino di Bubu Boirie. Orchestrazioni per l’interludio “Flight Of The Belgian Bumble Bee” ed il “Volo Del Calabrone” fa capolino, tanto per mettere in evidenza le capacità tecniche se ancora ce ne fosse stato il bisogno.
C’è spazio anche per un brano  abbastanza elettronico, con batteria programmata dal titolo “The Fifth Gate”. Per tornare ad atmosfere più ampie e solari bisogna giungere alla bellissima “Walking In The Air”, qui gli occhi si chiudono e l’anima di Hans Van Even fuoriesce come una farfalla dal bozzolo. Il lato più tecnico e sperimentale lo si ascolta in “Tapping Into Eternity”, saggio di questo stile (il tapping) oramai in voga fra molti chitarristi odierni. “Glassy Sky” farà invece piacere agli estimatori di gruppi come i canadesi Uzeb, ma il pezzo che straborda di special guest alla chitarra si intitola “Hans’ Blues”, qui come in una enorme jam session si susseguono ben nove artisti!
Dopo una overdose di assolo, giustamente serve spezzare. Suoni etnici e rilassati giungono all’uopo, e qui si capisce anche l’intelligenza musicale di Hans Van Even, capire di spezzare l’ascolto alternando brani vigorosi con altri  riflessivi serve all’elasticità ed alla fluidità, e non è cosa da tutti. L’album prosegue con frangenti acustici e settantasette minuti sembrano essere volati via. Se ciò è accaduto, qualcosa sta a significare. “Stardust Requiem” è un disco consigliato sia ai fans delle scale impossibili che agli amanti della pelle d’oca e Hans Van Even è una bella sorpresa, almeno per il sottoscritto. (MS)


Nessun commento:

Posta un commento