venerdì 20 gennaio 2017

Méséglìse

MESEGLISE – Stranamente Sereno
Lizard Records
Genere: Progressive Rock/Cantautore
Supporto: cd - 2016


Tornano gli emiliani Méséglìse del tastierista Paolo Nannetti e del cantante chitarrista Marco Giovannini dei Sithonia, dopo “L’Assenza” (Lizard Records) del 2013, e lo fanno con Maya Seagull (basso, voce), Maurizio Lettera (batteria) e Maria Robaey (violino e mandolino). Il Progressive Rock proposto in questo nuovo album dal titolo “Stranamente Sereno” è ancora legato alla musica leggiera, al Folk e all’attenzione per il connubio testo/musica. Comunque il bagaglio Sithonia c’è e ancora lo si può ascoltare anche in tre brani dell’album, “Confusi In Mezzo Ai Simboli” tratto dal loro primo album “Lungo Il Sentiero Di Pietra” del 1989, “Festa In Collina” e “Con Altri Occhi” questi ultimi due tratti da “Hotel Brun” del 1998. Il supporto fisico al cd è molto gradevole, una confezione cartonata con un libretto di accompagnamento bene illustrato e nitido ad opera grafica di Liliana Corradini, supportata dai bei disegni di Paola Baiesi e dalle foto di Maurizio “Lello” Brunelli. Dodici tracce di cui due strumentali, le conclusive “Il Gioco Delle Parti” e “La Strada Verso La Collina (ripresa)”.
Pur essendo “Stranamente Sereno” un album di Progressive Rock, in esso non ci sono suite e neppure tecnicismi inutili, piuttosto traspare il legame musica/testo con classe e finezza, come  ad esempio hanno saputo fare le Orme. Il piano di accompagnamento de “Il Tempo Di Un Caffè” ne è efficacie testimone. Il violino dona spesso ai brani quell’impronta Folk che scalda l’anima per intensità, disegnando paesaggi malinconici ma rassicuranti. Da menzionare anche alcuni special guest che impreziosiscono l’ascolto dell’album, Alberto Celommi (chitarra acustica in “La Strada Verso La Collina” e “Caporale Milt” già con Kuzminac e Pierangelo Bertoli) ed Enrico Capalbo (chitarra ebow in “Trama Di Coincidenze”). Ci sono brani energici e comunque più gioviali come ad esempio “Con Il Pallone” o “Interno Notte”.
“Caporale Milt” è una canzone cantautorale dal profumo antico supportato dalle belle coralità femminili, frangente particolarmente godibile dell’album. Uno dei pregi con cui ci si imbatte durante l’ascolto  è il crescendo qualitativo dei brani, tutto questo rende inevitabilmente sempre alta l’attenzione dell’ascoltatore. Altro grande momento si intitola “Trama Di Coincidenze”, belle melodie finemente legate ai testi.

Di sicuro “Stranamente Sereno” è un album di grande compagnia, come un amico che con te si confida e che ti rassicura in alcuni momenti di bisogno. Il tutto senza strafare. MS

Nessun commento:

Posta un commento