domenica 22 novembre 2015

Sensazioni Musicali del 2015

Considerazioni


Faccio un piccolo e modesto riassunto del movimento musicale attuale, ora che stiamo concludendo anche il 2015. Non mi riferisco al solito mondo del Pop, il quale è solo un serpente che si morde la coda, neppure del Rap in quanto lo reputo un genere più politico che musicale, ma a quel filone più sperimentale, ossia quello che in teoria ci illustra la strada di domani: Il Rock, il Metal ed il Progressive Rock.
In tutti e tre i generi, si manifesta una situazione univoca, ogni nuovo album che esce (anche di band all’esordio) è mediamente buono. All’ascolto ci sono canzoni gradevoli, ben confezionate, ma manca la zampata del genio, quella che nel periodo ‘65/’75 ci ha propinato i migliori capolavori della storia. Sono tutti album che non sono altro che “il riassunto delle puntate precedenti”. Nella musica proposta si manifesta il fatto di aver compreso il passato e di averlo elaborato con la propria personalità. Ma allora cosa è che manca? Proprio quest’ultima: La personalità.  L’individuo oggi non essendo più al centro dell’interesse ed essendo necessariamente ognuno uguale all’altro, porta ad una decadenza d’ ispirazione compositiva.
Tutti suonano bene, la tecnologia fa il proprio lavoro, quindi se si compera un album non si prende la classica “fregatura”, questo è un fatto inopinabile. Nel 2015 in parole povere sono usciti buoni album, che fanno anche ben sperare per il futuro, ma non è uscito (e questo neppure negli ultimi anni) il “The Dark Side Of The Moon”, o quello che volete voi, avete capito il senso. Questi dischi rischiano solo di girare poche volte nei nostri piatti stereofonici, in quanto privi di una vera anima, l’anima che hanno è più un fantasma del passato. Eppure sono belli…carini.
La musica è lo specchio della società moderna, questo si sa, e quindi la conclusioni che ne traggo sono di nostalgia del passato e paura di essere se stessi , fare le cose per essere applauditi dagli altri e non perché si pensano. Questo è anche comprensibile, se si deve vivere di musica e quindi mangiare qualcosa, ci si deve necessariamente adeguare, si fa presto a criticare, lo capisco bene, ma il sunto che ne scaturisce è questo.  E’ anche vero che per fare buona musica non bisogna per forza essere innovativi, infatti ho detto che sono usciti tanti buoni album, il 2015 ha una media molto elevata, anche rispetto gli anni passati, ma non credo che li ascolterò più di tanto, il paragone impietoso con la discografia passata fa si che torni a spulciare più indietro nel tempo e non è che lo faccio per nostalgia, io sono annosamente aperto ad ogni nuova situazione, amo tutto e di tutti gli anni, ma perdonatemi…. non sono neppure sordo.

Concludendo:  

- Chi fa musica per mestiere è in difficoltà in quanto deve sbattersi a destra e sinistra come pochi, a causa di un pubblico superficiale mordi e fuggi il quale è anche poco propenso a comperare cd (o LP visto che stanno ritornando di moda), salvo avere uno zoccolo duro.
- Chi fa musica per divertimento (come secondo lavoro) da sorprese, ossia sono quelli che osano di più e che suonano per il proprio gusto, tanto se non vengono capiti non hanno nulla da perdere ed un piatto di pasta lo mangiano ugualmente.


Molti di voi non saranno d’accordo con questa mia analisi, magari avete ragione voi, questo però è quello che ho estrapolato dagli ascolti del migliaio di dischi del 2015, probabilmente ho ascoltato i dischi sbagliati….chissà.

Nessun commento:

Posta un commento